RICORDI DI UN MONDIALE

5 ottobre 2008

IL LUNGHISSIMO DI SABATO 04 OTTOBRE

Ieri ho voluto di nuovo "testarmi" o meglio, ho voluto eseguire ancora un lunghissimo, in vista dei mondiali dei 100 km del prossimo 08 novembre.
Ovviamente era da tempo programmato che in questo week end, avrei dovuto correre il penultimo lunghissimo da 60 km.
Inizialmente pensavo di eseguirlo sul Montello ma, dato che minacciava pioggia e che venerdì sera ho fatto "un po' tardi", ho preferito invertire i due lunghissimi eseguendo prima quello pianeggiante sulle mie solite strade e, tra due settimane, quello collinare.
Quello di ieri doveva essere un lunghissimo "tirato" cioè doveva sapermi dire, più o meno, fino a che velocità posso spingermi per correre per molti chilometri con parecchio margine e senza "tirarmi troppo il collo".
In pratica, volevo capire a che ritmo posso ambire di partire al mondiale, senza rimanere senza energie dopo metà corsa.
E' vero che il percorso di Tarquinia, soprattutto per i primi 35 km è piuttosto vallonato ma, non dovrebbe rallentare tantissimo la media finale, qualcosina si lascerà giù, però, di certo, non si tratta del Passatore.
E' così mi sono tuffato in questo allenamento.....Come è andato? Oltre ogni più rosea aspettativa!
Come al solito ho corso da solo, senza compagni in bici e controllando il cronometro solo ogni 5 km.
Sono partito alle 10.00 (come al mondiale) con una temperatura di 14° e un vento che in alcuni tratti era parecchio intenso.
Ho corso sul mio solito tracciato da 8,5 km (segnato ogni 500 metri) che ho percorso per 7 volte più altri 500 metri.
Speravo di correre tra i 19'20" ed i 19'30" ogni 5000, il che equivaleva ad una media tra i 3'52" ed i 3'54" al km.
Beh! E' andata ancora meglio, ecco i 12 parziali ogni 5 km.
km. 1 - 5: 19'11"
km. 6 - 10: 19'15"
km. 11-15: 19'15"
km. 16 -20: 19'10"
km. 21 - 25: 19'09"
km. 26 - 30: 19'08"
km. 31 - 35: 19'13"
km. 36 - 40: 19'09"
km. 41 - 45: 19'08"
km. 46 - 50: 19'11" (passaggio al 50° km in 3h11'50")
km. 51 - 55: 19'06"
km. 56 - 60: 19'00"
60 km in 3h49'57" alla media di 3'50" al km. con frequenza cardiaca media a 157 bpm.
Il 5000 più veloce è stato l'ultimo e questo è sintomo di essere arrivato alla fine in condizioni davvero buone.
Di certo tenere quel ritmo per altri 40 km è utopistico ma, il non aver mai sofferto, l'essermi divertito ad eseguire questo allenamento, la media tenuta, le sensazioni fisiche del giorno dopo decisamente buone, il fatto che sarò in gara e che vestirò la maglia azzurra, il tifo della gente (speriamo....!), mi possono aiutare ad affermare che, il mio personale di 06h51', allo stato attuale di forma, potrebbe essere sicuramente migliorato.
Ora ho altre 3 settimane di intenso carico che culmineranno con l'allenamento lunghissimo collinare di sabato 18 ottobre e la maratona di Venezia del 26 ottobre.
Poi inizierà la fase di scarico e rifinitura.
Avanti così che oramai l'08 novembre è vicino!

1 commento:

Daniele 91 ha detto...

Bravo Marco,un altro bellissimo allenamento in vista dei Mondiali!Continua così,il gran giorno si avvicina!