RICORDI DI UN MONDIALE

22 novembre 2008

SERATA BREMA RUNNING TEAM


Ieri sera, alla risto-taverna del Centro Fitness dove lavoro, il Brema Running Team ha organizzato una pizzata per tutti gli iscritti al gruppo ed i simpatizzanti.
La serata è stata "proposta" soprattutto per presentare la staffetta benefica "Martellago-Padova" di domenica 30 novembre, che porterà tutti i partecipanti dalla sede della nostra società, il negozio tecnico del presidente Beppe, fino all'ospedale pediatrico di Padova.
E' stata una serata molto bella, estremamente piacevole e, soprattutto, molto partecipata; eravamo in tantissimi, abbiamo riempito praticamente "quasi" tutto il ristorante (che tiene 130 posti a sedere).
Era la prima volta dallo scorso febbraio che non ci si ritrovava tutti insieme ed è stata un'occasione anche per conoscere i nuovi iscritti.
Era presente anche il nostro sindaco che ha voluto testimoniare la bontà delle iniziative del nostro gruppo che non si occupa solo di "corsa", ma anche di solidarietà e di chi è meno fortunato.
Domenica prossima andremo, dopo aver coperto di corsa i quasi 40 km che separano Martellago da Padova, con staffette composte da 4 gruppi, a trovare i bimbi ospiti del reparto malattie reumatiche infantili dell'ospedale patavino; cercheremo di portare loro qualche momento di "svago" e un bel ricordo di quella giornata.
A rendere possibilie tutto ciò è l'associazione onlus "Il Volo", che dedica ogni sua risorsa umana e materiale per lo studio, la ricerca e la cura di quelle malattie che colpiscono i bimbi a cui andremo a far visita.
Tutti noi del Brema corriamo con il logo del "Volo" sulle maglie e ne siamo felicissimi.
Mi ha fatto molto piacere vedere anche i rappresentanti del gruppo podistico Venice Marathon Running Team; sono convinto che la collaborazione tra vari gruppi, sia importante e positiva per far crescere sempre di più un movimento come quello podistico veneziano.
Una menzione speciale e doverosa è stata fatta alla nostra compagna di team Barbara Duprè, che ha pensato bene di farsi le "vacanze estive" a Capo Verde ma non come i normali turisti in spiagge dorate e con il mare cristallino, ma in una delle zone più povere del paese per aiutare bambini e poveri che vivono nella miseria e che fanno le capriole di gioia per un quaderno e un pennarello.
Un po' a "sorpresa", mi hanno consegnato una bellissima targa in ricordo di questa stagione per me molto intensa che, mondiali a parte, è stata ricca di soddisfazioni.
Cosa dire? Per me l'affetto che ieri sera mi è stato manifestato da tutti i miei compagni di club, dai miei compagni di consiglio direttivo (ne faccio parte anch'io da pochissime settimane), è stata un'ulteriore molla che mi spinge ad impegnarmi ancor di più per la prossima stagione.
Il nostro è un bellissimo gruppo che ogni anno cresce sempre di più, fatto di persone che corrono per divertirsi, per stare bene, per migliorarsi ma, soprattutto, per stare insieme.
I "L'anno prossimo i mondiali andranno meglio, vedrai...", "Sei stato bravo lo stesso....", "Non mollare....", non erano frasi di circostanza ma pronunciate con convinzione e stima.
E io spero di non deludere più nessuno!
Intanto non vedo l'ora che sia domenica prossima per passare un'altra bella giornata in compagnia di amici e portare un sorriso a quei bimbi.

P.S Ho ripreso piano piano a corricchiare, due uscitine da 40'! La settima prossima correrò un giorno si e l'altro no e poi, dal 01 dicembre, si riparte!


3 commenti:

monica ha detto...

peccato che io non ci sono potuta essere...avrei avuto molto piacere...

però sicuramente domenica non mancherò!!!

Beppe ha detto...

Ciao Marco,sono un ultramaratoneta amatore,ho visitato il tuo blog ed ho scaricato il tuo programma di preparazione in sala pesi.prossimamente lo metterò in pratica e ti farò sapere.Grazie ciao a presto magari ci possiamo incontrare a qualche ultra.
Beppe Scotti

Marco ha detto...

Ciao Beppe,
grazie per la visita!
Sono contento che tu abbia scaricato quel programma e sono curioso di sapere anche da te, se quel sistema di lavoro ti da risultati tangibili.
E' importante la tecnica con cui vai ad eseguire gli esercizi di forza: una punta del piede su o giù, ti cambia completamente l'efficacia dell'esercio.
Fammi sapere, a presto.